Il piano di edilizia scolastica, fortemente voluto dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, fin dal suo discorso di fiducia alle Camere del 24 febbraio 2014, prende il via. Si tratta della costruzione di nuovi edifici scolastici o di rilevanti manutenzioni, grazie alla liberazione di risorse dei comuni dai vincoli del patto di stabilità per un valore di 244 milioni (#scuolenuove) e del finanziamento per 510 milioni dal Fondo di sviluppo e coesione per interventi di messa in sicurezza (#scuolesicure), di decoro e piccola manutenzione (#scuolebelle).

Anche la Campania rientra in questo piano. Per la nostra regione sono stati stanziati 182 milioni di euro, di cui ben 563mila euro alla scuole di Palma Campania. «Lo stanziamento di fondi  per i nostri plessi scolastici – ha dichiarato il segretario Pd Autilia Mascia – mette il Comune di Palma Campania in  condizione di operare al meglio per risolvere annosi problemi legati alla carenza, sul piano estetico, della funzionalità ed anche della sicurezza dei nostri istituti scolastici». «Le varie deficienze degli istituti scolastici del nostro paese – ha affermato il consigliere comunale Rosa De Nicola – sono state da me più volte portate all’attenzione dell’amministrazione comunale e, in particolare, ho posto l’attenzione sul cattivo stato della palestra dell’Istituto De Curtis e dell’Istituto scolastico Vincenzo Russo. Ora c’è la possibilità di dare scuole più belle e sicure agli studenti».

Ora, l’intento della compagine guidata da Mascia controllerà che  i finanziamenti per l’edilizia scolastica vengano utilizzati in modo proficuo. «I democratici – fanno sapere dal Pd – vigileranno su ogni euro speso, per evitare che questa ennesima opportunità per la nostra collettività si trasformi in un’operazione clientelare. Sarà alta la pressione e l’attenzione democrat per impedire che la spinta innovatrice che arriva da Roma venga tradotta dagli amministratori territoriali in un nulla di fatto».

pd palma