L’ex “re” del Fisco campano in manette, indagine partita da un filone sui Ragosta


264

L’indagine che ha portato agli arresti domiciliari Enrico Sangermano, ex numero uno dell’agenzia delle Entrate in Campania, ha avuto spunto dalla maxi-inchiesta sul gruppo Ragosta, e dall’impero degli imprenditori di San Giuseppe Vesuviano.



E tra gli indagati, di fatti, c’è anche Fedele Ragosta, 45 anni, che da Sangermano avrebbe ricevuto il beneficio più grande. Il i di almeno 57 milioni di euro che la Immobilgest doveva al fisco di fronte ad debito complessivo del gruppo nei confronti dello Stato è stimato tra i 250 e i 300 milioni di euro.

agenzia entrate

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE