In fiamme biglietteria del Vesuvio, il presidente dell’Ente: «Delinquenti idioti»


244

«Al momento si sa solo che ignoti hanno bruciato la biglietteria del Parco Nazionale del Vesuvio al piazzale di quota 1.000. Non conoscendo cause, esecutori e mandanti non si può accusare alcuno con cognizione di causa. Ma una cosa si può dire con assoluta certezza: si tratta di un atto delinquenziale e idiota».



È quanto dichiara il presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Ugo Leone, a proposito dell’incendio che, la scorsa notte, ha distrutto la biglietteria. «Idiota per due motivi: se l’intento era quello di recare danno – spiega Leone – c’è stata certamente la distruzione della sede della biglietteria e non altro, per quanto grave, perché immediatamente è ripresa la bigliettazione e nessun altro danno è stato patito dal Parco Nazionale del Vesuvio, dalle guide e, soprattutto, dai turisti».

«In secondo luogo, se l’intento era quello di mandare avvertimenti anche in questo caso è fallito – dice ancora Leone – Il Parco ha subito violenze e minacce di vario tipo, specie nei nostri edifici e con lo sversamento di rifiuti, ma le attività della dirigenza e del personale sono sempre continuate e continuano senza esserne minimamente scalfite».

Leone

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE