Oltre trenta i prelievi eseguiti questa mattina a Salerno per Raffaele Buono, ma all’ospedale dove il 27enne di Poggiomarino è ricoverato si sono presentati almeno in 50 per cercare di dare il loro sostegno al giovane. Vittima di un grave incidente sulla Statale Amalfitana, il ragazzo è in pericolo di vita da domenica 13 luglio, quando la sua moto è impattata contro un altro mezzo a due ruote all’altezza del bivio per Raito. Poggiomarino ha dunque risposto alla grande all’appello della famiglia Buono, assediando il reparto trasfusioni del nosocomio salernitano.

Tutto per Raffaele, per sperare che il 27enne possa riuscire a superare l’ostacolo più difficile, la sua battaglia tra la vita e la morte in un letto del reparto di rianimazione. L’impatto di otto giorni fa con un’altra moto, infatti, è stato violentissimo. Buono riportò lesioni all’aorta che naturalmente gli hanno provocato problemi dal punto di vista circolatorio. Negli ultimi giorni sono sopraggiunte altre complicazioni che hanno aggravato il quadro clinico del centauro poggiomarinese. Ma Raffaele continua a lottare come un leone, mentre i sanitari stanno facendo i salti mortali per salvargli la vita.

E non manca il sostegno degli amici del giovane e dei bikers di Poggiomarino che stamane si sono presentati in massa per dare il loro contributo. Chi volesse ancora donare sangue può farlo nei prossimi giorni recandosi al centro trasfusioni del presidio sanitario, facendo il nome di Raffaele Buono. I medici del San Leonardo fanno sapere che non è importante il gruppo sanguigno perché tutto il sangue donato verrà utilizzato anche per salvare la vita ad altri pazienti, sempre nel nome di Raffaele.

incidente moto