Si è tenuta a Roma, al ministero dell’Ambiente, la riunione del Comitato Istituzionale, di cui fa parte il ministero e la Regione Campania, che coordina e controlla le attività del Programma di interventi di compensazione ambientale della Regione Campania. Lo rende noto la Regione Campania precisando che nell’incontro, cui ha preso parte l’assessore regionale all’Ambiente, Giovanni Romano, sono state esaminate le problematiche relative agli interventi nel settore delle bonifiche e per gli impianti idro-fognari di alcuni territori della Campania.

Nella riunione – è stato reso noto – sono state prese decisioni sulla realizzazioni delle opere programmate nel campo della bonifica, del settore idrico-fognario e delle acque dei Comuni di Santa Maria la Fossa (Caserta), Ariano Irpino (Avellino), Fragneto Monforte (Benevento), Savignano Irpino (Avellino), San Tammaro (Caserta), Villaricca (Napoli), Pozzuoli (Napoli), Serre (Salerno), Marano (Napoli), San Nicola la Strada (Caserta), Terzigno (Napoli), Acerra (Napoli), Capua (Caserta), Postiglione (Salerno), Tufino (Napoli), Giugliano in Campania (Napoli), Battipaglia (Salerno), Qualiano (Napoli), Avellino, San Marco Evangelista (Salerno) e Caivano (Napoli).

«È stata una riunione positiva – sottolinea l’assessore Romano – in cui sono state accolte tutte le indicazioni proposte dalla Regione. Le decisioni assunte nel corso della riunione vanno nella direzione di dare un forte contributo al risanamento del territorio, obiettivo prioritario della Giunta guidata dal presidente Caldoro, e di stare vicino alle popolazioni e agli amministratori impegnati nella battaglia di risanamento ambientale. Abbiamo già attuato tantissime iniziative in tal senso e continueremo a lavorare per cercare di recuperare gli anni di ritardo in questo settore che hanno determinato condizioni di criticità del territorio».

terzigno_discarica_sari