Sulla Statale del Vesuvio non si fermano gli interventi per ridurre la velocità. Da circa un mese, infatti, sono operative, lungo l’intera arteria, quattro postazioni autovelox ed altre due se ne aggiungeranno entro metà luglio, fornite in comodato d’uso alla Polstrada da parte dell’Anas. Nel corso del mese di maggio – ha dichiarato il comandante della sezione Polstrada di Napoli, Maurizio Casamassima – sono state accertate oltre 1.600 infrazioni al codice della strada, anche grazie alla collaborazione delle locali polizie municipali. Il dato ha fatto ravvisare l’esigenza di incrementare non solo i controlli lungo la strada in questione, ma, soprattutto, l’attività di sensibilizzazione e di educazione degli utenti».

«Il raddoppio della carreggiata – come sottolineato dall’assessore regionale, Edoardo Cosenza – resta l’obiettivo prioritario da raggiungere, sia per garantire la sicurezza stradale, sia per consentire alla cittadinanza di abbandonare l’area interessata in caso di rischio di eruzione del Vesuvio. Per monitorare la situazione e dare il massimo impulso ai lavori, la Regione ha chiesto ed ottenuto di istituire un “tavolo” permanente presso il ministero delle Infrastrutture e Trasporti e approvato recentemente  lo schema di Atto aggiuntivo all’Accordo di Programma Quadro relativo al “Sistema di mobilità”. Come ancora precisato, tra gli  interventi da finanziare con le risorse del Fondo dello Sviluppo e Coesione dell’Unione Europea 2007-2013, è previsto anche il raddoppio e la messa in sicurezza della Statale 268.

autovelox