Superano i confini vesuviani i noti allagamenti di Poggiomarino dovuti alla carenza di rete fognaria su cui Arcadis ha smesso di lavorare quando la soluzione sembrava dietro l’angolo. A dare risalto alla questione-Poggiomarino sono infatti Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza, entatri in possesso di alcune eloquenti immagini scattate durante e poco dopo un violento acquazzone.

«A Poggiomarino, precisamente in corso Garibaldi – dicono – tanta immondizia è stata trascinata nell’acqua. Un intero quartiere – continuano Borrelli e Simioli – si è allagato e le strade apparivano il corso di un fiume Si parla tanto della “Terra dei fuochi” ma bisogna parlare tanto anche della “Terra dell’Acqua” e noi facciamo parte di questa terra».

Al momento, in città, la situazione è stabile e gli allagamenti non hanno ancora superato la solita soglia di allarme. Ma con il tempo che continua ad essere incerto si teme naturalmente per la “esondazione” delle vasche di Pianillo e Fornillo.

allagamenti