Fabbrica di San Gennaro “carica” di clandestini, bengalese finisce nei guai


256

I carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano in collaborazione con il personale dell’Asl Napoli 3 Sud e della direzione provinciale del lavoro di Napoli hanno effettuato un servizio predisposto per contrastare il fenomeno del lavoro sommerso. A finire nei guai un bengalese.



L’imprenditore 43enne originario del Bangladesh, titolare di un opificio tessile in via Catapano è stato infatti denunciato poiché ritenuto responsabile di aver occupato alle sue dipendenze tre lavoratori stranieri senza permesso di soggiorno, di fatto favorendone la permanenza sul territorio italiano e traendo profitto dalla loro condizione di clandestinità.

Nella circostanza è stato notificato un provvedimento di sospensione dell’attività per l’opificio che dunque dovrà restare chiusa sino ad una prossima decisione.

bangladesh

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE