Procede il piano di Pietro Voci, commissario ad acta dell’holding di trasporto Eav, per i pagamenti dei creditori del gruppo. Una nota dell’azienda informa che, con le ulteriori risorse ricevute a maggio 2014, è stato avviato un piano massiccio dei pagamenti nei confronti di tutti i fornitori, definendo i criteri di priorità della spesa per 70 milioni di euro. Ieri, dopo un lungo lavoro istruttorio, reso necessario da una ingente mole di contenziosi relativi agli investimenti – prosegue la nota di Eav – sono stati emessi mandati di pagamento per circa 37 milioni di euro verso i principali creditori del settore.

«Ciò è stato reso possibile – evidenzia ancora il comunicato – dal raggiungimento di accordi-quadro che definiscono tempi e modi per le risoluzioni delle controversie in atto, oltre che impegni a sospendere gli atti esecutivi in corso. Una condizione questa, viene sottolineato, che permetterà il graduale miglioramento del servizio agli utenti». In precedenza, Eav aveva già speso e rendicontato 74 milioni di euro (anticipati dalla Regione nel 2013 per pagare debiti previdenziali e tributari pregressi) e azzerato il debito relativo alle anticipazioni del corrispettivo del contratto di servizio e avviato il pagamento dei crediti vantati dalle aziende interessate alle forniture strategiche (materiali e servizi per la manutenzione, energia). Azioni queste, viene ancora sottolineato nel comunicato, che dimostrano «la volontà del Commissario e della Regione Campania nel voler procedere col piano dei pagamenti con la massima celerità possibile, sia per il doveroso rispetto dei diritti dei creditori, sia per concorrere ad un ordinato sviluppo delle attività imprenditoriali, a loro volta necessarie sia per sostenere l’occupazione che per il miglioramento continuo della qualità del servizio offerto».

metrostar circumvesuviana

Anche sul fronte della gestione ordinaria, la situazione finanziaria è ormai di sostanziale equilibrio e garantisce la regolarità dei flussi di pagamento. Per quanto riguarda, infine, il progressivo riequilibrio annuale costi-ricavi, i dati di bilancio 2013, che saranno sottoposti all’approvazione del Socio Unico Regione Campania entro il 30 giugno prossimo, confermano il trend di continua rimodulazione del disavanzo corrente, in linea con il piano approvato.