Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Elsa Morante” incontrano i candidati sindaco alle prossime elezioni amministrative del 25 maggio. Nell’ambito della redazione del giornale “Morante News” i piccoli giornalisti hanno chiesto ai candidati di sottoscrivere un Patto. Impegni precisi che gli alunni hanno sottoposto e che riguardano il quartiere e la scuola. Alla luce de “Il Paese che Vorrei” un lavoro sulla città a misura di ragazzi il documento con i sogni degli alunni è stato presentato durante l’incontro che si è svolto presso i locali della sede centrale di via Boccaccio. Un momento di crescita e confronto che è stato semplificato il più  possibile per rendere fruibile l’iniziativa alla platea di bambini che frequentano la classe V elementare, I II e III media.

Dieci i punti sintetizzati dagli allievi che partecipano al progetto di giornalismo e che a partire da un cartellone realizzato nel laboratorio creativo della scuola, ha inteso affrontare le richieste dei bambini e in qualche caso anche i problemi del quartiere. Dalla richiesta di spazi comuni che pure ci sono ma sono interdetti perché chiusi o in cattivo stato, all’esigenza di poter girare a piedi in sicurezza con l’ampliamento dei marciapiedi che portano a Madonna dell’Arco o il controllo delle vie secondarie. Ma anche per la propria  scuola gli alunni hanno avuto richieste specifiche. Innanzitutto hanno chiesto armadietti individuali dove poter lasciare il materiale didattico ed extradidattico. Essendo il Secondo Comprensivo un istituto a tempo pieno, gli alunni hanno l’esigenza di alleggerire il peso degli zaini, qualche giorno davvero molto pesanti. Hanno inoltre chiesto la disponibilità a contribuire all’apertura della scuola nei weekend per usufruire dell’auditorium o della palestra e per quest’ultima hanno chiesto nuova attrezzatura.

I candidati presenti, seppur con i dovuti distinguo, hanno accolto le proposte e firmato il Patto e gli alunni vigileranno sul rispetto dello stesso. Ecco il punti sottoscritti da Lello Abete, Carmine Capuano, Paolo Esposito e Federica Marchioni. Antonio De Simone è mancato per sopraggiunti motivi. 1) Riqualificazione piazzetta ai Romani; 2) Riqualificazione e apertura al quartiere dello Stadio “De Cicco”; 3) Creazione di centro sportivo nel quartiere Romani; 4) Ampliare i marciapiedi che dirigono in via Arco; 5) Creare una Pista ciclabile; 6) Contribuire al funzionamento dell’Oratorio della chiesa “San Francesco D’Assisi”; 7) Mettere in sicurezza strade secondarie, che collegano i Romani con Madonna dell’Arco, passaggio per pedoni e auto; 8) Controllare e video sorvegliare il territorio; 9) Arredo nuovo per le scuole, includendo armadietti personali per gli alunni e attrezzare la palestra e i relativi spogliatoi e messa in sicurezza dei laboratori; 10) Aprire la scuola al Quartiere, oltre alle ore didattiche, di sabato e domenica dando ad esempio la possibilità di utilizzare il campo di calcetto e di basket, di fare progetti di lettura e altre attività.

candidati scuola