Si chiama Michele Greco, è di Poggiomarino, ha 31 anni e nella vita lavora come graphic designer. È lui il vincitore del concorso di idee “Un logo per Longola”, che il Comune di Poggiomarino ha lanciato lo scorso 10 febbraio.
Michele è un ragazzo molto umile che, pur avendo frequentato l’istituto d’arte ed un corso di specializzazione presso l’Istituto Superiore di Comunicazione Visiva, continua a fare gavetta, perché «penso che la cosiddetta “gavetta” duri per sempre, dato che la considero una formazione, un mettersi in gioco, una sfida con ogni progetto».
Da 6 anni è un libero professionista che si occupa di brand identity e web design, collaborando principalmente con Factoria, una web agency che nel suo staff conta numerosi creativi nati all’ombra del Vesuvio.
La sua idea di logo rappresenta la silhouette stilizzata di un abitante dell’antico villaggio, intento a navigare nei canali ricavati artificialmente dai sarrasti nella laguna del fiume Sarno. Spiega l’autore: «Mi sono totalmente ispirato all’arte dei graffiti dell’epoca del bronzo, stilizzando il mezzo di trasporto che ancora oggi viene usato: il lontro. Mi sono documentato sul sito archeo-fluviale e ho cercato di rappresentarne il vero mood, diretto e semplice, senza astrattismi ne’ metafore visive. Posso solo dire che sono felicissimo di dare questo bellissimo contributo per Poggiomarino e per Longola».
Al progetto vincitore, selezionato tra 22 proposte da tre professori dell’ITCLGS “Da Vinci”, andrà un riconoscimento di mille euro. La commissione  ha inoltre segnalato altri cinque progetti per caratteristiche e qualità grafiche: sono quelli di Alfonso Di Matteo, Rosario Annunziata, Enrico Franco, Maria Zamboli e Fiorella Quarto. Il logo vincente e quelli meritevoli di particolare menzione saranno presentati nel corso della cerimonia di premiazione, lunedì 19 maggio, che si terrà in occasione della presentazione del progetto definitivo per lo sviluppo di Longola, alle ore 18,30 presso la sala consiliare.

foto-fattovesuviano