Home Cronaca Falsi timbri per aste giudiziarie, truffe a Nola e Pomigliano: due arresti

Falsi timbri per aste giudiziarie, truffe a Nola e Pomigliano: due arresti

Sono scattate stamattina le misure cautelari agli arresti domiciliari, eseguite dalla Guardia di Finanza di Casalnuovo, nei confronti di due persone che operano nel settore elle aste giudiziarie, indagate per truffa aggravata e falso in atti pubblici. I provvedimenti sono scattati nei confronti di Pone Antonio e della sua convivente Saladino Maria Paola Pasqualina, accusati di avere truffato un meccanico e una commerciante di Pomigliano d’Arco.

Le indagini sono scaturite da due esposti presentati alle Fiamme Gialle di Casalnuovo da due piccoli imprenditori pomiglianesi entrati in contatto con gli indagati per la partecipazione ad alcune aste giudiziarie. Infatti, gli indagati, in possesso di una procura speciale da parte di un notaio di Napoli, si erano proposti di rappresentare gli acquirenti finali truffati, conosciuti tramite amici comuni, nel corso delle aste giudiziarie.

Le immediate investigazioni condotte dalla Polizia Giudiziaria hanno permesso di scoprire il meccanismo dell’articolata truffa attuata dagli indagati: le perquisizioni disposte dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola hanno consentito di acquisire supporti informatici e documentazione contenenti prove schiaccianti circa la falsificazione di documenti relativi alle aste giudiziarie.

Posting....
Exit mobile version