Grande attesa a Somma Vesuviana per l’arrivo di Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, che interverrà in piazza Matteotti domani alle 18,30 per sostenere il candidato sindaco del centrosinistra Giuseppe Auriemma. Un’amministrazione condivisa, partecipata, attiva e trasparente: questi sono i principi che stanno animando il tour elettorale di Auriemma, sostenuto dalle liste Pd, Somma Bene Comune e PSI. «Non mi appartengono le solite strategie – spiega Auriemma – né le logiche di spartizione senza visioni programmatiche serie e partecipate. Apriamo lo sguardo, diamo ora a Somma tutte le risposte, rapide ed efficaci, perché torni a sperare, a credere in se stessa, a crescere e condividere solidarietà per i più deboli. Dopo anni di malgoverno, di logiche clientelari tutt’oggi impiegate a fini elettorali la città ha bisogno della buona politica, fatta di persone oneste e coraggiose».

Nei giorni scorsi a sostegno di Auriemma è intervenuta anche Assunta Tartaglione, deputata e segretario regionale del Partito Democratico, che ha sottolineato: «La candidatura di Auriemma è una proposta politica concreta, per un percorso a servizio del territorio. Con Auriemma, col suo spirito di servizio e con un progetto politico così denso di contenuti sarà possibile sradicare Somma dalla vecchia politica che tanto male ha fatto e scrivere finalmente  le pagine del rinnovamento».

Giuseppe Auriemma nasce a Somma Vesuviana. Medico Chirurgo, specialista in Psichiatria e Psicoterapia. Ha collaborato alle attività di ricerca della U. O. di Igiene Mentale della Facoltà di Medicina della Seconda Università degli Studi di Napoli. Da più di 25 anni è impegnato attraverso l’associazionismo e il volontariato in attività e progetti culturali a servizio della città di Somma. Nel ‘91 è iniziatore del Palio cittadino, progetto di recupero della memoria e di impegno civile, che ad oggi conta 23 edizioni. Nel 2013 è il candidato sindaco per le elezioni amministrative di Somma Vesuviana, sostenuto dalle liste Pd, Centro Democratico Somma Attiva.Eletto consigliere d’opposizione, oggi è di nuovo in campo «per restituire alla città la sua bellezza, logorata da logiche di potere, e per riaffermare la cultura del diritto rispetto a quella del favore».

Vincenzo De Luca