Erano pericolosi, stavano per rompere pareti e potevano crollare al suolo da un momento all’altro diventando un grosso pericolo pubblico. I manutentori di Sant’Anastasia hanno così deciso di abbattere undici alberi durante le operazione partita in città ad inizio settimana.

In tutto sono stati tagliati undici arbusti, tra cui alcuno nel cortile della scuola “Vallone”. Qui, infatti, le radici erano fuoriuscite dal terreno finendo per lesionare le mura del plesso. Un intervento necessario per evitare problemi di stabilità all’edificio.

Problema simile anche nel rione Gescal. Alcuni alberi erano infatti a rischio caduta perché troppo vicini l’uno all’altro e le radici, una volta cresciute, cominciavano a non essere più ben piantate nel terreno.

alberi abbattuti