Mantenere alta l’attenzione pubblica sull’inquinamento del Sarno, considerato responsabile, al pari della “Terra dei fuochi”, del disastro ambientale che influisce sulla crescita in termini numerici del cancro: è uno degli obiettivi del convegno “Insieme per la ricerca oncologica” in programma sabato alle 18 a Scafati presso la sala consiliare, promosso dalla Fondazione Bartolo Longo III Millennio di Pompei, in collaborazione con i ricercatori di Epi-C e con il patrocinio della Regione Campania e della Città di Scafati.

Ma il convegno servirà anche a lanciare un messaggio di speranza relativamente alle nuove cure per il cancro. Nel corso della serata, infatti, saranno presentati gli importanti risultati ottenuti dal team di ricerca Epi-C (acronimo di Epigenetic Compounds, ovvero dall’inglese “farmaci epigenetici”) diretto da Lucia Altucci, docente di Patologia generale della Seconda Università di Napoli (Sun). Si tratta di uno spin-off accademico che punta a diventare azienda di riferimento nella realizzazioni di specifici farmaci anti-cancro. «L’obiettivo – spiega Altucci – è quello di intervenire su ogni forma di tumore in maniera mirata, stabilendo una terapia specifica adatta a quel tipo di malattia. C’è bisogno di farmaci che vadano a colpire determinati “obiettivi”: per fare questo bisogna capire quali fattori permettono lo sviluppo di un tumore in un singolo organismo perché è su quelli che si deve intervenire in modo mirato. Inoltre, punto di forza dei farmaci messi a punto da Epi-C è la possibilità di colpire con una sola molecola più cellule tumorali, per questo la terapia è meno tossica è non c’è bisogno di combinare più farmaci».

«Questo metodo è proprio quello che studia l’epigenetica – aggiunge Gianluigi Franci, amministratore delegato della Epi-C srl – perché le terapie epigenetiche più che sui geni intervengono sul loro “comportamento”: in pratica puntano a indurre i geni a comportarsi nella maniera “corretta”, il che rappresenta una svolta soprattutto per una nuova generazione di farmaci anticancro». Proprio questi ultimi sono al centro della ricerca avviata da anni dal team Epi-C.

Sono previsti anche gli interventi di Guido Trombetti, assessore alla Ricerca scientifica della Regione Campania; di. Michele Schiano Di Visconti, presidente della quinta commissione Sanità; Pasquale Aliberti, sindaco di Scafati; Antonio Fogliame, assessore Politiche sociali e Cultura di Scafati; Antonio Marfella, oncologo dell aFondazione “Pascale” di Napoli; Sergio Amitrano, presidente della Fondazione “Bartolo Longo III Millennio” di Pompei.

fiume Sarno