Nuova razzia nelle abitazioni di San Gennaro: i topi d’appartamento hanno ripreso a svaligiare case dopo una tregua durata alcuni giorni. Il tempo, insomma, di fare cessare l’allarme per poi tornare più prepotenti di prima. I raid negli ultimi giorni tra via Ottaviano, via Poggiomarino, via Felicioni e strade limitrofe. E qualche colpo è stato sventato grazie alla prontezza delle vittime che sono riuscite a mettere in fuga i balordi. Ma l’emergenza resta, considerata l’abilità della gang di addentrarsi negli appartamenti e di mettere a segno i colpi mentre proprietari ed occupanti dormono.

Secondo le forze dell’ordine che stanno cercando di mettere le mani sulla banda, i ladri agirebbero con strumenti piuttosto sofisticati. Si parla, tra le altre cose, anche di trapani a “rumore zero” per aprire porte e finestre. Escluso al momento, invece, l’uso di sostanze chimiche utili a narcotizzare le vittime: i ladri sono semplicemente agili ed abili, rafforzando così la pista che vorrebbe esperti delle arti circensi dell’Europa dell’Est come gli autori della razzia.

I carabinieri danno la caccia alla banda, forse più di una, che sta mettendo a soqquadro San Gennaro Vesuviano da ormai quasi un mese. Inizialmente si era parlato di un’automobile scura, forse un’Alfa, poi l’attenzione era andata su una Fiat Punto bianca vecchio modello. Ora, invece, i fari vengono puntati su una station wagon nera che alcune persone avrebbero visto andare via a folle velocità subito dopo un colpo non riuscito.

Al vaglio degli investigatori ci sono anche alcune immagini tratte dalle telecamere di videosorveglianza, ma a quanto pare è difficile identificare i topi d’appartamento ed altrettanto complicato riuscire ad individuarli per stringerli le manette intorno ai polsi. Intanto, la paura in città cresce, così come il numero di persone che annuncia di volersi fare giustizia da soli.

ladri