«Mentre un clima di incertezze anticipa le Amministrative di maggio, Progetto Somma, Centro Democratico e Polis Democratica assicurano già una strada insieme.» Lo ufficializza Lello D’Avino, referente di Progetto Somma. «Partito, movimento e civica sposano le stesse prospettive di crescita per la città» Nella scorsa tornata, Progetto Somma tradusse in 1.200 preferenze il consenso degli elettori sommesi, rivolgendo, sulla scia di quanto realizzato in passato, una particolare attenzione al territorio comunale: di fianco ai cittadini, votando da subito contro l’aumento della Tares, che ha gravato ingiustamente sui nuclei familiari; in questi anni accanto ai commercianti allo scopo di risollevare un’economia che ha evidente necessità di rifiorire; in opposizione al degrado delle periferie, battendosi per la realizzazione di strade percorribili e sicure, e impegnata nella questione cimitero, per risollevare le sorti di un luogo sacro in condizioni di evidente abbandono estetico e organizzativo».

«Alla luce di questo atteggiamento costruttivo e determinato – continua la nota – le tre realtà politiche hanno deciso di osservare un programma comune consultabile online, all’interno della pagina Facebook La Città che Vorremmo, utilizzata per comunicare con i cittadini: l’approfondimento dei punti da realizzare per una città al passo coi tempi è visibile a tutti».

«La campagna – evidenzia D’Avino – ruota intorno all’aggregazione di cittadini e forze politiche che intendano migliorare il nostro contesto territoriale. Il primo passo consiste nella promozione del dialogo su questioni di interesse collettivo e nella semplificazione del panorama elettorale. Per questo motivo rinnoviamo insieme l’invito ai referenti locali ad evitare il cammino, complicato e superato, in direzione della formazione di numerose liste».

«Progetto Somma, Centro Democratico e Polis – conclude – si impegnano affinché Somma Vesuviana torni ad essere un punto di riferimento per i comuni del circondario, che attui degnamente il riconoscimento di città, garantendo servizi ottimali ai suoi abitanti, giovani e anziani, e ai turisti provenienti da altre aree».

Somma Vesuviana palazzo Torino (1)