Terzigno si stringe intorno al sindaco facente funzione, Stefano Pagano. Non è un colore politico, una bandiera d’appartenenza, le opinioni divergenti di amministrare il paese, a condannare il vile gesto sono state l’intera popolazione vesuviana. Nella tarda serata di giovedì scorso, infatti, fu ritrovata una testa di maiale legata al cancello d’ingresso della sua abitazione, che divide insieme al fratello e alla sorella.

Gli iscritti e i simpatizzanti di Forza Italia respingono con forza l’odioso atto accaduto e invitano il primo cittadino a proseguire nella difficile ma entusiasmante battaglia di rinnovamento politico e cambiamento amministrativo, portata avanti dall’attuale amministrazione comunale con vigore, tenacia onestà e trasparenza. L’intera giunta comunale di Terzigno, in un manifesto, solidarizza con Pagano per l’incivile e bestiale gesto d’ignobili e ignoti provocatori. In questo gesto ci sono tutta la vigliaccheria e la sconsideratezza di qualcuno per niente amante della propria cittadina.

Terzigno e i suoi cittadini non meritano tale offesa e questo indecoroso affronto: nessuno riuscirà a scalfire la dignità dei cittadini vesuviani. Gli uomini della locale stazione dei carabinieri comandati dal maresciallo Adolfo Montagnaro proseguono nelle indagini per consegnare alla legge l’autore di questo vile gesto.

D