“Arancia meccanica” a Poggiomarino, dove due donne sono state picchiate, imbavagliate e rapinate in casa da una coppia di malviventi che si è intrufolata fingendosi venditori “porta a porta”. Il fatto stamattina in via XXIV Maggio. Vittima una donna di 61 anni, A.S., ed un’amica che era con lei nel momento dell’irruzione.

Un uomo in giacca e cravatta ha bussato alla porta, ma la proprietaria dell’abitazione ha provato a spiegargli che non le serviva nulla. Qui è scattata l’aggressione. La 61enne e l’amica sono state immobilizzate ed imbavagliate, poi picchiate fino a quando i due balordi non si sono impossessati di tutto il denaro e l’oro che l’anziana aveva in casa.

Colpite al volto ed alla testa, le vittime sono cadute a terra mentre i banditi sono riusciti a portare via gli oggetti di valore nel tempo di pochi attimi. A.S. è riuscita a liberarsi dopo diversi minuti dalla “trappola”, sembrerebbe strappando il nastro isolante addirittura con i denti, ed ha quindi avvisato i carabinieri.

La malcapitata è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale “Martiri di Villa Malta” di Sarno dove le sono state curate ferite al naso ed escoriazioni sparse per il corpo: la donna si trova tuttora ricoverata in stato di choc emotivo.

Sul posto i carabinieri della locale stazione che stanno cercando di scorgere elementi per individuare la coppia di rapinatori senza scrupoli. Al vaglio degli investigatori ci sono anche i filmati di alcune telecamere di videosorveglianza dei negozi adiacenti all’abitazione svaligiata. Il complice dell’uomo in giacca e cravatta è invece entrato in casa con il volto coperto, dunque su di lui mancano elementi utili alla descrizione.

via XXIV Maggio