Presunti legami con Cutolo, “Il Boss delle cerimonie” minaccia i cronisti: il caso al Senato

1385

«Ho presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno per chiedere che venga prestata protezione al giornalista de L’Espresso, Claudio Pappaianni». Così la senatrice del Pd, Doris Lo Moro, che in una nota stampa esprime la propria solidarietà al cronista minacciato. «Pappaianni nei suoi articoli ha messo in evidenza i rapporti tra quello che televisivamente è conosciuto come il “boss delle cerimonie”, Don Antonio Polese e Raffaele Cutolo.



Nella sua articolata inchiesta giornalistica Pappaianni scrive del «passato giudiziario imbarazzante del protagonista della trasmissione, il boss dei ricevimenti all’ombra del Vesuvio, Antonio Polese. Tra indagini per commercio di alimenti adulterati e abusi edilizi, fino ai rapporti con la Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo»; ricorda, in particolare, che Polese è stato coinvolto nel maxiblitz contro la nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo del 1983, processato e condannato per favoreggiamento».

«Implicato – continua la nota – insieme ad altri soci, nella compravendita del palazzo del principe di Ottaviano, il famigerato “Castello di Cutolo”, poi finito nel 1991 tra i beni confiscati dallo Stato alla criminalità organizzata».

boss cerimonie

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE