Oltre 2.000 persone hanno sfilato per le vie di Pomigliano d’Arco, partecipando alla marcia antiracket, nella giornata del ricordo di Don Peppe Diana, organizzata da Salvatore Cantone presidente dell’associazione Antiracket e Antiusura Domenico Coviello di Pomigliano. Alla marcia ha partecipato anche il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, che ha sottolineato l’importanza della partecipazione e dell’altruismo nella lotta alla criminalità organizzata. «Per comprendere il valore della legalità, bisogna capire come si fanno le leggi e chi le scrive – spiega di Maio Occorre insomma comprendere l’importanza della partecipazione politica. Solo partecipando alla politica, entrando nei meccanismi che regolano la nostra vita quotidiana, i cittadini potranno sentire proprie le leggi e quindi rispettarle con naturalezza. Molto spesso si ha l’impressione che le regole siano calate dall’alto e ci venga chiesta solo obbedienza».

«In giornate come quella in ricordo di Don Peppino Diana – ha proseguito Luigi Di Maio – Deve nascere un nuovo modo di essere cittadino, che si interessa ai problemi della comunità che lo circonda, anche se non lo riguardano direttamente. Un cittadino che cerca di determinare l’andamento politico del Paese in prima persona, candidandosi, formando gruppi di pressione, anche semplicemente informandosi. L’altruismo deve essere il motivo ispiratore dell’impegno politico. La partecipazione deve diventare un dovere civico, oltre che un diritto. Solo così potrà nascere la cultura della legalità».

La marcia ha attraversato il centro di Pomigliano d’Arco, dove le associazioni promotrici hanno manifestato con slogan striscioni per ricordare don Giuseppe Diana e per dire “no” a racket e camorra.  Ecco l’itinerario del corteo: partenza da via Pratola Ponte (presso il Liceo Classico-Scientifico “Vittorio Imbriani”) e conclusione in piazza Leone; percorrendo via Pratola Ponte, via Roma, via Napoli, corso Vittorio Emanuele, via Mercato, via Carlo Poerio, via Cavallotti, via Guadagno, via Terracciano, via Ercole Cantone e dunque piazza Giovanni Leone.

marcia Antiracket Pomigliano