L’Arcivescovo Toppi verso la beatificazione, il 2 aprile il tribunale canonico sarà a Pompei


266

È previsto per il 2 aprile al Santuario della Beata Vergine Maria, in occasione del settimo anniversario della morte di Monsignor Francesco Saverio Toppi, l’insediamento del Tribunale Canonico e il conseguente inizio della causa di beatificazione e canonizzazione dell’arcivescovo di Pompei morto nel 2007 dopo essere stato fino al 2001 la guida dei fedeli della città mariana.



Nato a Brusciano, il 26 giugno 1925, Francesco Saverio Toppi fu ordinato sacerdote il 29 giugno 1948. Si diplomò alla Scuola Vaticana in biblioteconomia, nel 1949, e in archivistica, nel 1950. Nel1951 si laureò in storia ecclesiastica alla Pontificia Università Gregoriana. Superiore provinciale dei cappuccini di Napoli, dal 1959 al 1968, e di quelli di Palermo, dal 1971 al 1976, si recò più volte in America Latina e in Africa. Fu nominato Delegato Pontificio del Santuario di Pompei e Arcivescovo Prelato da Papa Giovanni Paolo II, il 13 ottobre 1990. Morì nel 2007 nel convento dei Cappuccini a Nola.

L’attuale arcivescovo Tommaso Caputo ha accolto volentieri l’invito a iniziare la Causa di beatificazione e canonizzazione rivoltagli dal Postulatore Generale dei Frati Cappuccini, chiedendo il necessario “nulla osta” alla Congregazione per le Cause dei Santi, che lo ha concesso il 3 ottobre 2013.

Secondo la prassi, l’avvio della Causa è portato a conoscenza della Comunità Ecclesiale, invitando tutti i fedeli a trasmettere alla Curia Prelatizia di Pompei ogni notizia e testimonianza, capaci di apportare elementi favorevoli o contrari alla fama di santità del “Servo di Dio”, Monsignor Francesco Saverio Toppi.

santuario toppi

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE