A volte può bastare un attimo di rabbia ed impeto per finire nel tritacarne attraverso il social network Facebook. È quanto probabilmente capitato al giovane consigliere comunale di Poggiomarino, Gennaro Velardo, che ieri sera è andato oltre le righe sul web, replicando alle accuse mosse da alcuni cittadini probabilmente per i mancati festeggiamenti del Carnevale in città.

Il post del consigliere di maggioranza sta sollevando un vero e proprio caso politico, con l’opposizione che come vuole la regola “sguazza” sulla frase di troppo del giovane esponente politico del centrosinistra: «Invece di criticare e lamentarsi sempre… Attivatevi e mettetevi a disposizione del paese, popolo di m…», ha infatti scritto Velardo sulla propria bacheca. Tanto è bastato agli internauti per parlare di caduta di stile e per chiedere le dimissioni del consigliere comunale.

In difesa di Velardo, sempre attraverso il social network, è sceso in campo direttamente il sindaco di Poggiomarino, Leo Annunziata: «La città ha avuto forti cadute, e non ora e non di stile, il mio giovane amico Gennaro Velardo è esempio di integrale onestà a favore dei più deboli». L’opposizione la pensa diversamente: «Questa m… ti ha votato», è una delle reazioni.

Insomma, si attendono chiarimenti da parte dell’esponente di maggioranza “incriminato” di aver definito i poggiomarinesi “popolo di m…” anche se è probabile che l’invettiva fosse riferita a chi ha criticato l’Amministrazione – e non sono pochi – per il “Carnevale mancato”. Restano però le parole forti che inevitabilmente provocano pesanti polveroni.

velardo popolo di merda