I carabinieri della locale stazione hanno arrestato per violazione dei sigilli e istigazione alla corruzione Weng Zhiming, 39enne cinese residente a San Giuseppe Vesuviano e già noto alle forze dell’ordine. Lo straniero, infatti, ha tentato di corrompere le forze dell’ordine offrendogli una cena a base di pesce.

L’uomo è stato sorpreso e bloccato nel suo opificio, mentre confezionava, insieme a 4 connazionali, capi d’abbigliamento, nonostante che i locali erano sottoposti a sequestro dal 23 ottobre 2012, dagli stessi carabinieri per gravi violazioni alle leggi a tutela della sicurezza dei lavoratori e per gravi carenze igieniche.

Durante l’ispezione i militari dell’Arma sono stati avvicinati dal 39enne che, per evitare le conseguenze della sua condotta, gli ha offerto, ripetutamente, una cena a base di pesce come ricompensa per omettere il controllo. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato nella sua abitazione agli arresto domiciliari.

opificio cinese