Il Pd di Terzigno: «Imposte alle stelle e negozi in crisi, il wi-fi libero non basta»


244

«Ben venga il wi-fi libero, ma pensiamo che l’amministrazione per aiutare le poche imprese commerciali rimaste ed evitare che gravassero sulle loro spalle ulteriori spese, avrebbe dovuto e potuto fare ben altro ad esempio non elevare al massimo l’aliquota imu, e risparmiarsi l’aumento della tassa sui rifiuti e la doppia richiesta di pagamento di Tares e Tarsu». È l’accusa mossa dal segretario cittadino del Pd, Gaetano Miranda, e dal consigliere comunale, Vincenzo Aquino.



«D’altronde a dimostrazione del loro profondo impegno per le imprese terzignesi ci sono le 80 ordinanze di chiusura del 2012 bissate anche nel 2013. Inoltre – continuano – visto lo stato in cui versa il nostro paese non ci sembra sia una priorità, l’attenzione dovrebbe essere dedicata a cose più vicine alla gente ad esempio la lenta morte del liceo, la rete stradale che è un colabrodo, lo stato di abbandono in cui versa Piana tonda, una differenziata che stenta a decollare, la mancanza di luoghi di aggregazione e discussione giovanile e maggiori controlli per evitare lo sversamento abusivo di rifiuti».

«Insomma  concludono Miranda e Aquino – la città mostra gravissimi problemi a causa dei quali sta lentamente morendo, e quest’amministrazione dimostra di essere più che mai lontana dalle esigenze reali dei suoi cittadini».

Comune di Terzigno - Fonte: Web

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE