Aveva un ruolo centrale nell’organizzazione di narcotrafficanti sgominata dalla Finanza l’insospettabile medico chirurgo di Poggiomarino, Antonio Franza, impegnato a lungo nelle battaglie sociali contro l’inquinamenti ambientale della zona agrovesuviana.

L’uomo, secondo quanto appurato dagli investigatori, sfruttando il vivaio della moglie – estranea all’indagine – provvedeva personalmente ad estrarre la cocaina nascosta all’interno del tronco delle piante tropicali “palo borracho”.

Franza, secondo le Fiamme Gialle che hanno sequestrato complessivamente 88 chili di cocaina, si occupava degli aspetti logistici del traffico nel quale sono risultate coinvolte complessivamente 9 persone.

franza