«Vogliamo mettere a nudo il “piano Marchionne”»: una promessa sibillina quella fatta dalle donne del comitato mogli operai dello stabilimento Fiat di Pomigliano, che per domani annunciano un volantinaggio «pieno di significato ma molto ironico», davanti alla fabbrica in vista della manifestazione organizzata per il prossimo 8 marzo, dal titolo “nonsolodonne”.

«Inizia domani la “campagna dell’8 marzo”, manifestazione che si terrà nella sede dello Slai Cobas – spiegano le donne – per mettere a nudo il piano di fuoriuscita dall’Italia, con sede legale in Olanda e sede fiscale in Inghilterra, della multinazionale Fca (Fiat Chrysler Automobiles) con volantinaggi agli ingressi delle fabbriche di Pomigliano e l’affissione di mille manifesti e mille locandine in tutti i comuni del nolano e del vesuviano».

«Oggi che i lavoratori sono soli più che mai – continuano – vogliamo tornare a vivere, prendere per mano i nostri figli e, con la rabbia che ci monta in testa, unirci agli operai e a quanti ancora pensano che le cose si possono e si devono cambiare». Le donne, che saranno davanti allo stabilimento Fiat dalle 13 alle 14, nel pomeriggio si sposteranno anche davanti agli stabilimenti pomiglianesi di Alenia ed Avio, dalle 16,30 alle 17,30.

fiat pomigliano