Decine di lastre di amianto vecchie e ormai sgretolate, guaine di catrame e rifiuti tossici di ogni specie. Avvelenate ancora le campagne di Sant’Anastasia che continuano ad essere teatro di ripetuti ed incontrollati sversamenti di scarti. A darne notizia è il canale informativo TeleAnastasia.

In due giorni, infatti, nelle zone verdi e rurali della città si sono moltiplicati i depositi selvaggi di rifiuti nocivi: via Sellaro resta la “meta” preferita di chi senza alcuno scrupolo abbandona gli scarti in totale sintonia con il disastro della Terra dei Fuochi.

Dalle immagini spuntano le lastre di amianto ed alcuni bustoni neri che contengono le guaine isolanti in catrame, utilizzate spesso per rendere impermeabili gli attici ed i terrazzi in cima agli edifici. Naturalmente, nel mirino finiscono le imprese edili dell’area.

amianto sant'anas