Segnali di ripresa per Maria Rosaria Nachiero, la 23enne di Terzigno unica superstite del terribile incidente della notte del 4 gennaio sulla Statale 268 dei Paesi Vesuviani. L’ematoma cranico riportato dalla ragazza nello schianto, infatti, si sta riducendo in seguito all’intervento chirurgico d’urgenza effettuato subito dopo l’impatto.

La giovane resta costantemente monitorata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, dove familiari ed amici continuano ad affollare la sala d’attesa del reparto. Maria Rosaria non è ancora fuori pericolo, ma la situazione è almeno in lento miglioramento.

Nell’ultima strage sulla Statale 268 sono decedute quattro persone tra cui i due ragazzi con cui viaggiava e madre e figlio polacchi contro cui si sono scontrati.

268 mrn