“La Somma dei Giovani”, presentazione del gruppo e proposte sociali

60

Una partecipazione straordinaria e quasi inaspettata ha caratterizzato  l’evento organizzato dal gruppo politico “La Somma dei Giovani”, anticamera del Forum che verrà, tenutosi nei locali del De Matha’s cafè di Somma Vesuviana Venerdì 3 Gennaio.



Centinaia di persone hanno trascorso una serata all’insegna di politica giovanile, progetti sociali e musica dal vivo, in un varietà aggregativo che è insieme rinascita e proposito di cambiamento. Nell’attesa delle pratiche burocratiche necessarie per la configurazione ufficiale come Forum dei Giovani, il gruppo sommese sta già attivandosi concretamente per la realizzazione dei progetti in itinere: promozione del concorso pro ambiente “I want to be clean”, diffusione del “riciclo informatico”, settimana dell’arte, giornate dello sport (“sport in the city”), cineforum tematici, biblioteca sociale e forum card.

Dalle parole e dai pareri dei membri si evince grande fermento: «“La Somma dei Giovani” – spiega Vincenzo De Cicco – è una nuova piattaforma di politiche giovanili, formata da ragazzi e ragazze, in cui le donne hanno e devono avere un ruolo importante. Il nostro primo step sarà quello di consolidarci come istituzione Forum dei Giovani, cercando un’aperta collaborazione con i ragazzi dei vari forum limitrofi, considerata la posizione di Comune capofila della nostra città. L’arte è la forma di cultura che, più di tutte, avrà un ruolo fondamentale all’interno del nostro gruppo, per valorizzare e dare la possibilità ai giovani di esprimersi liberamente».

Entusiasmo anche da parte di Rossella Auriemma, membro del gruppo e co-organizzatrice dell’evento: «La serata è andata benissimo, non ci aspettavamo questa grande partecipazione anche perché la location che abbiamo scelto non è delle più spaziose, ma siamo contenti. È stata una presentazione informale del gruppo e di quello che noi abbiamo idea di fare. Riguardo i progetti non abbiamo l’ambizione di fare grandi cose, ma vogliamo dare il nostro contributo procedendo per gradi».

Conclude Umberto Ceriello: «Noi ci poniamo come aggregazione promotrice di politiche sociali e aspettiamo di consolidarci come istituzione e che il nostro regolamento venga accettato dal consiglio comunale, dopodiché saremo pronti, nel giro di un mese, a procedere con le elezioni».
Come ribadito più volte durante la serata, il Forum dei giovani, una volta costituito, avrà il delicato compito di gestire il bene confiscato alla camorra locale, appartamento già denominato “Casa della legalità”.

Presenti alla serata parte delle istituzioni locali, a conferma dell’importanza politica (apartitica), che il gruppo sta assumendo col tempo. «Vedere tanti giovani riuniti in una serata fredda a discutere di politica e società è la dimostrazione che qui si sta facendo qualcosa di serio», afferma il vicesindaco Salvatore Di Sarno. Soddisfazione anche da parte della minoranza: «Più che per parlare sono qui per imparare e per registrare speranze e storie possibili per questa città», dichiara Giuseppe Auriemma. «Questo gruppo va incoraggiato. Noi viviamo per i giovani», sono, invece, le parole di Pasquale Piccolo del movimento Aurora. Le premesse, dunque, ci sono. Spetta ai ragazzi, adesso, fare in modo che le speranze non vengano tradite.

giovani

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE