Home Cronaca Guerra dei botti nel Vesuviano: 20 feriti non gravi, decine di incendi

Guerra dei botti nel Vesuviano: 20 feriti non gravi, decine di incendi

Il bollettino di guerra del Capodanno 2014 è meno pesante del solito. “Solo” 20, infatti, i feriti provocati dai petardi killer e dai roghi innescati. La notte di San Silvestro è dunque filata quasi liscia grazie soprattutto al gran lavoro delle forze dell’ordine che fino all’ultimo hanno portato a termine sequestri di veri e propri ordigni.

Ustioni ad una mano per un uomo di Terzigno, al volto per un giovane di Boscoreale e ferite alle mani – ma senza spappolamenti – a Poggiomarino, Striano, San Giuseppe Vesuviano e Bocotrecase. Al momento tra i feriti della zona vesuviana non risultano esserci bambini e minori.

Più duro, invece, il lavoro dei vigili del fuoco che hanno spento decine di incendi provocati dai fuochi artificiali. In fiamme sono finiti cassonetti dei rifiuti, sterpaglie e arredi urbani. Il “bollettino”, tuttavia, potrebbe essere ancora aggiornato: la raccomandazione è di non raccogliere botti inesplosi in strada.

Exit mobile version