Accusato di omicidio, ma era innocente: scarcerato dopo 17 anni in cella


1218

Dal 1995 nel freddo di una cella, condannato all’ergastolo per un omicidio di camorra che non aveva commesso. Soltanto nei giorni scorsi la scarcerazione. È la storia di Maurizio Bova, che può tornare nella sua Somma Vesuviana. A raccontare la vicenda giudiziaria, fatta di errori e dichiarazioni di pentiti, è il quotidiano “Roma”.



A scagionare Bova, accusato di avere ucciso il boss di camorra Antonio Ferrara, sono state dapprima le dichiarazioni del pentito Antonio Marchese, che si è autoaccusato attraverso una lettera del delitto risalente a metà degli anni Novanta.

Poi ci sono stati i riscontri che hanno stabilito l’effettiva innocenza di Bova in merito all’agguato in cui rimase ucciso il ras della zona di Somma Vesuviana. L’iter giudiziario per la scarcerazione è stato ad ogni modo lungo e complesso, ma nei giorni scorsi Bova ha lasciato il penitenziario di Secondigliano dove era recluso ormai da diversi anni.

operazione_polizia550

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE