Uomo del clan Gionta vìola la sorveglianza speciale, arrestato


271

Mario Nastri, pregiudicato 35enne, affiliato al Clan Gionta, arrestato nell’ambito dell’operazione di polizia “Alta Marea” e scarcerato, il 13 aprile per decorrenza termini di custodia cautelare, è stato nuovamente catturato dagli agenti per avere lasciato il territorio di Boscoreale. L’uomo, infatti, era stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel territorio boschese.



Così come da prassi, all’atto della sottoposizione della misura di prevenzione, la patente di guida gli era stata ritirata. Ma i poliziotti del commissariato di Torre Annunziata, nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, in uno dei quartieri più malfamati, conosciuto come “Provolera”, hanno notato l’uomo mentre era alla guida di uno scooter Honda 300, mentre si aggirava tra i vicoli.

Inevitabile il suo arresto, perché inottemperante agli obblighi della misura alla quale è sottoposto. L’uomo, inoltre, è stato denunciato in stato di libertà, perché responsabile di guida senza patente e contravvenzionato ai sensi del codice della strada. Momentaneamente Nastri è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del processo con rito direttissimo che si terrà nei prossimi giorni.

polizia_4_2

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE