Terra dei Fuochi, raffica di denunce: ci sono 5 sindaci del Vesuviano


161

Quarantadue sindaci, il presidente della Regione, Stefano Caldoro, ed i presidenti delle Province di Napoli e Caserta. Tutti denunciati per i roghi tossici della “Terra dei Fuochi”. Secondo i cittadini, infatti, i titolari delle Amministrazioni non avrebbero fatto nulla per evitare gli incendi ai cumuli di spazzatura disseminati in strada. E tra i primi cittadini additati ci sono anche quelli di Nola, San Giuseppe Vesuviano, San Gennaro Vesuviano, Poggiomarino e Palma Campania.



Intanto, venti sindaci sono già finiti nel mirino della magistratura e sono formalmente indagati per omissione di atti d’ufficio: ma si tratterebbe di amministrazioni dei territori tra Napoli e Caserta. Non si conosce, tuttavia, ancora l’indentità di chi è stato colpito dall’avviso di garanzia, nè per quale motivo: vige ancora il segreto istruttorio.

Si conoscono però i motivi per cui le procure hanno deciso di avviare le indagini: «La popolazione residente nei territori di Napoli, provincia di Napoli e provincia di Caserta, solo in minima parte rappresentata dal presente atto – si legge nella denuncia dei cittadini – da decenni vive la condizione di vittima inerte di quotidiani e molteplici episodi di combustione rifiuti, urbani, speciali e pericolosi, con immissioni di sostanze altamente inquinanti e tossiche nei propri territori».

incendio sindaci

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE