Racket, in carcere estorsore del clan


270

Torna in carcere Luigi Oncia, 41enne sangiuseppese, legato all’ambito della criminalità organizzata, già con precedenti e ora definitivamente incarcerato perché responsabile del reato di estorsione aggravata.



Il suo nome è da sempre legato al clan dominante nel vesuviano e le indagini sul suo conto prendono avvio da parte del locale commissariato già tra il 2006 e il 2007 nel corso di una più vasta operazione che ha portato all’arresto di più persone. I poliziotti del commissariato San Giuseppe Vesuviano, guidati del vice questore aggiunto Mainardi, hanno quindi dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola nei suoi confronti.

Gli agenti hanno così rintracciato l’uomo presso la sua abitazione in via Carlo Poerio e riportato in carcere dove dovrà scontare la pena di due anni e sei mesi di reclusione.

estorsione sangius

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE