C’è un cronista di Videonola tra i riconoscimenti consegnati dal premio giornalistico “Francesco Landolfo” giunto alla sua seconda edizione. A vincerlo è Enzo Ruggiero con una menzione speciale per il settore videoreportage e internet e foto. La cerimonia di consegna del premio Landolfo si terrà lunedì alle 11 a Palazzo Arlotta, presso la sede dell’Istituto di cultura meridionale, in via Chiatamone 63 a Napoli. Il Premio, alla sua seconda edizione, è in memoria del giornalista Francesco Landolfo, segretario dell’Ordine dei giornalisti della Campania, già vicedirettore del quotidiano “Roma”, fondatore e presidente dell’Arga Campania.

Gli altri riconoscimenti sono andati per la carta stampata a “Pesche e mele, l’oro perduto della terra dei fuochi e dei veleni” di Antonio Menna per “Il Mattino” e “Sfregi Lagni” di Nello Lauro per “Sette”. Menzione speciale a “Bandiera grigia sulle coste flegree” di Ciro Biondi per “Segni dei tempi”. Per Radio e Tv successo a “Le sentinelle della Terra dei fuochi” di Germana Grasso e Stella Colucci di “Rainews 24” e ad “Uno scrigno di tesori sommersi nei fondali di Capri” di Giuseppe Catuogno per Telecaprinews. Menzione speciale a “La finta crisi dei rifiuti in Campania” di Andrea Postiglione e Nello Trocchia per “Il fatto quotidiano tv”.

Infine il settore videoreportage dove la menzione speciale è andata a Enzo Ruggiero di “Videonola” con “Casalnuovo, là dove la terra frana”. Il premio va invece a “Quella bufala della mozzarella dop” di Pietro Falco per “Espresso.it” e “Green Technology in Campania” di Alessandro Savoia per il “Roma online”. Il premio è a cura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, dell’Associazione napoletana della Stampa, del quotidiano “Roma”, dell’Arga Campania. La giuria del premio “Francesco Landolfo” è composta da Ordine dei giornalisti (Ottavio Lucarelli), Assostampa (Enzo Colimoro), dal quotidiano “Roma” (Antonio Sasso), da Arga Campania (Geppina Landolfo, Gianpaolo Necco).

franco landolfo