Scatta la denuncia per il responsabile dell’associazione accusato di vendere i pacchi alimentari destinati ai poveri. Dopo il servizio de “Le Iene”, infatti, i carabinieri di Somma Vesuviana si sono recati presso la sede dell’associazione “Fantasia” per notificare la segnalazione a Giovanni C., finito nei guai per truffa aggravata. Denunciata anche la madre dell’uomo ma per abusivismo edilizio.

Sdegno, naturalmente, in città per un fatto increscioso, ovviamente se confermato dalle indagini, e che è stato smascherato dalla telecamere di Italia attraverso l’inviato de “Le Iene”, Giulio Golia, e dell’autore del programma, il napoletano Alessandro Migliaccio.

Giovanni C., al momento, continua a difendersi asserendo che la cifra intascata con i pacchi di beni di prima necessità non è nulla più che una quota di tesseramento all’onlus. Ci penseranno le indagini a chiarire la situazione, mentre intanto la politica locale lancia la proposta di gestire il servizio attraverso il Comune.

truffa pacchi