Megatruffa al Comune di Nola, la dipendente tira in ballo l’ex sindaco defunto Napolitano


243

Centrerebbe anche l’ex sindaco defunto di Nola, Felice Napolitano, nella vicenda giudiziaria definitivamente scoppiata nei giorni scorsi all’interno del Palazzo comunale. A tirarlo in ballo una dei maggiori accusati, la dipendente comunale dimissionaria, Filomena De Sena, tra i quattro arrestati dell’inchiesta “Mandantopoli”.



«L’ex sindaco sapeva tutto, era consapevole», dice infatti la De Sena nei verbali, facendo dunque intendere che le false commesse e gli appalti presunti irregolari duravano da almeno setto o otto anni. Napolitano, infatti, fu primo cittadino di Nola dal 2004 al 2009.

«In un’occasione Napolitano mi disse che servivano fondi per le persone indigenti – racconta ancora la donna – e che dovevo dare mandato all’imprenditore Mercogliano (anch’egli arrestato)». Accuse da cui, purtroppo, l’ex sindaco non potrà mai difendersi.

mandantopoli napolitano

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE