Continuano a ritmo incessante le ricerche di Nunzia e Anna, precipitate, in seguito ad un incidente, lo scorso giovedì, nel fiume Sarno, a Pompei. Come già avevamo raccontato, i vigili del fuoco stanno scandagliando da due giorni il fiume con un sonar subacqueo.

Si tratta di ore decisive, così come sottolinea Ciro Scognamiglio, funzionario dei vigili del fuoco che coordina le ricerche sul fiume Sarno a Pompei: «Abbiamo individuato un grosso volume di ferro al centro del fiume Sarno che riteniamo possa essere, al 90 per cento, l’auto con le due donne scomparse giovedì scorso. Stiamo per calare al centro del fiume un palo di 8 metri, che dovrà servire da segnalatore alla distanza di 5 centimetri dal un groviglio di ferro che abbiamo individuato con il sonar subacqueo. Con apparecchiature non convenzionali saranno calati i nostri sub che dovranno imbracare la vettura e sollevarla».

Durante l’operazione, spiegano i vigili del fuoco, telecamere e curiosi saranno tenuti a notevole distanza.

auto sarno