Contrastare il fenomeno dell’immigrazione irregolare e del lavoro “nero”. Sono questi gli obiettivi portati avanti dall’amministrazione palmese e dalle autorità locali, che in questo periodo stanno effettuando controlli a tappeto su tutto il territorio comunale.

Negli ultimi tempi, infatti, sono stati identificati numerosi extracomunitari irregolari e sgomberate, dopo il sopralluogo dell’ufficio tecnico ed in seguito ad un’ordinanza sindacale, alcune abitazioni, trovate in condizioni non idonee all’uso abitativo, ai cui proprietari sono state somministrate pesanti sanzioni.

L’ultima operazione è stata effettuata questa mattina, nei pressi di due opifici (uno a via Pozzoromolo ed un altro a via Trieste), dove la polizia municipale locale, insieme agli agenti del commissariato di Nola, i carabinieri di Palma Campania, gli ispettori INPS ed INAIL, gli operatori dell’Asl e l’ispettorato al lavoro, hanno riscontrato la presenza di sei lavoratori irregolari, originari del Bangladesh, senza permesso di soggiorno.

Gli stessi sono stati fotosegnalati a Nola e trasferiti, successivamente, all’ufficio immigrazione di Napoli, dove è stato consegnato loro il foglio di espatrio, per poi essere portati nelle “località libere” (tra cui Udine e Bari).

«Quello dell’amministrazione è un impegno costante, finalizzato al contrasto del fenomeno dell’immigrazione irregolare. Il nostro obiettivo è quello di scovare i clandestini. Ci stiamo muovendo in tale direzione, già da tempo, raggiungendo ottimi risultati, grazie anche all’impegno congiunto del comitato alla sicurezza e del Prefetto di Napoli. Grande soddisfazione per la riuscita dell’operazione di questa mattina», ha affermato il sindaco, Vincenzo Carbone.

bangladesh