Circumvesuviana non paga l’Enel: stazioni al buio


157

La Circumvesuviana non paga l’Enel, dunque scatta la morosità anche verso l’azienda per la fornitura di energia elettrica. A denunciarlo è il sindaco Orsa, da sempre in prima linea nella battaglia per riportare l’azienda ed il servizio pubblico in condizioni dignitose. Il risultato è il taglio dell’erogazione ridotto del 30% in attesa che l’Eav saldi il conto. Quindi sì alla corrente per i treni, ma stazioni al buio e tabelloni luminosi – laddove ci siano – spenti e senza alcuna informazione per i tanti utenti già imbufaliti.



«Viste le morosità – affermano i sindacalisti – l’Enel ha tagliato il 30 per cento della potenza elettrica dei contatori come da contratto. L’irresponsabilità sta nel fatto che tale potenza è stata tagliata su impianti di linea, fermate e stazioni, che in alcuni casi sono costretti a funzionare in condizioni critiche per la sicurezza sia dei lavoratori che degli utenti. Assistiamo così a piazzali delle stazioni con luci spente e viaggiatori che procedono a tentoni, a passaggi a livello che non possono abbassare le sbarre, con gli operatori costretti ad utilizzare dei cavalletti e che non riescono ad arginare i pedoni e le auto frettolose oramai disabituate a rispettare il codice della strada».

«Situazione più patetica che paradossale – concludono i responsabili della sigla Orsa trasporti – La Regione sbandiera investimenti e finanziamenti in arrivo per miliardi di euro, ma noi per ora siamo praticamente ridotti al lumicino».

circum sciopero

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE