I carabinieri stanno effettuando una serie di controlli di carattere amministrativo alle imprese di pompe funebri di Napoli e provincia. In particolare i militari dell’Arma hanno in corso verifiche sull’adeguamento delle imprese alle disposizioni di una recente legge regionale del 25 luglio 2013. Nel corso dei primi accertamenti sono state finora sanzionate 13 imprese, ai titolari delle quali sono state a vario titolo contestate violazioni a disposizioni di carattere amministrativo, al regolamento di polizia mortuaria e alla citata normativa regionale.

Per una ditta operante nell’area del Vesuviano è stata imposta la sospensione dell’attività per il mancato adeguamento alla recente normativa richiamata. E durante i controlli di regolarità effettuati è stata accertata e sanzionata anche la presenza di lavoratori non in possesso di specifica formazione e la tenuta di carri funebri in locali non adeguati dal punto di vista igienico-sanitario.

Tra i casi perseguiti figura inoltre la poca trasparenza sui prezzi delle operazioni conseguente alla mancata esposizione delle previste tabelle delle operazioni, con l’indicazione specifica dei costi per l’utente.

carri funebri