Alcune migliaia di persone, settemila secondo gli organizzatori, in gran parte studenti delle scuole del Vesuviano e dell’Agro-nolano, hanno sfilato in corteo questa mattina da Nola alla discarica di Boscofangone, rispondendo all’appello dell’associazione ‘”Il triangolo della vita’”.

I manifestanti si sono concentrati in piazza d’Armi. Striscioni contro il “biocidio” e lo sversamento dei rifiuti tossici e contro la distruzione dell’agricoltura dell’area nolana e vesuviana hanno aperto il corteo in cui si è a lungo parlato dello sversamenti di scarti tossici nei terreni coltivati.

A Boscofangone sono intervenuti Antonio Laurino e don Maurizio Patriciello, parroco del Parco Verde di Caivano, denunciando ancora una volta la situazione di grave inquinamento dell’area della “Terra dei fuochi”.

stop biocidio