Un principio di incendio si è verificato ieri su una carrozza del treno Circumvesuviana sulla tratta Baiano-Napoli. Nessun danno per le poche persone presenti sul treno, complice l’orario, erano da poco passate le 8, e la giornata festiva. Le fiamme sono divampate sul treno a doppia composizione nella carrozza di coda poco dopo aver superato la stazione “La Pigna” a Casalnuovo mentre il treno procedeva in direzione Napoli. Il capotreno e il macchinista hanno provveduto a tenere sotto controllo le fiamme con gli estintori di bordo.

Paura tra i passeggeri che sono stati immediatamente portati nella carrozza di testa, che ha proseguito il viaggio mentre quella di coda veniva sganciata e trasportata nel deposito di Ponticelli per le verifiche. Nessuna ripercussione si è verificata sulla circolazione dei treni, che è tornata regolare dopo pochi minuti. A rendere noto quanto accaduto è Luciano Graziano della Faisa-Cisal, sindacato che raccoglie macchinisti e capitreno. «Solo coincidenze hanno fatto sì che non ci fossero danni – ha detto Graziano – Ma ora invito tutti i macchinisti a far partire solo treni in condizioni di farlo per evitare ulteriori situazioni di rischio». Un avviso che può rappresentare una vera e propria minaccia sul corretto funzionamento della linea, visto che tutti i treni hanno problemi di sicurezza.

Non è la prima volta che accade un episodio del genere. Un paio di settimane fa un episodio simile è avvenuto sulla stessa tratta. «Negli ultimi tempi – racconta il leader degli ecorottamatori Verdi Francesco Emilio Borrelli – nonostante gli ennesimi e poco credibili annunci dell’assessore Vetrella il servizio del trasporto della Circumvesuviana sta peggiorando e i vagoni frequentemente prendono fuoco più facilmente dei fiammiferi con grave rischio per l’utenza ed il personale di bordo».

incendio circum