Casa dell’acqua, Poggiomarino fa il bis: inaugurazione con il vescovo Depalma


215

La formula è collaudata: gestione affidata all’Acquatec e notevole risparmio economico per i cittadini. A Poggiomarino, dopo il successo di quella di via Nuova San Marzano, arriva la seconda Casa dell’acqua. La struttura sarà inaugurata stasera alle 19 direttamente dal vescovo della diocesi di Nola, monsignor Beniamino Depalma. La nuova Casa dell’acqua sarà attiva a Flocco, precisamente nella piazza del Santissimo Rosario.



La Casa dell’acqua è un chiosco che presenta un erogatore di acqua filtrata e refrigerata, naturale o gasata, posti in una zona coperta ed aperta al pubblico. L’acqua viene distribuita a 3 centesimi al litro (se naturale) e a 5 centesimi al litro (se gasata). L’erogazione dell’acqua è possibile grazie all’introduzione di una scheda elettronica ricaricabile. «Garantiamo un risparmio notevole e riduciamo l’uso delle bottiglie di plastica», spiega l’assessore Antonio Boccia.

Chiarisce il vicesindaco Giuseppe Annunziata: «Con la prima Casa dell’acqua abbiamo risparmiato 21.500 kg di PET, evitato l’immissione di 67.000 kg di Co2 nell’atmosfera, ridotto il consumo di 58.000 litri di petrolio e 9.000 sacchetti di plastica in meno da svuotare». Aggiunge il primo cittadino Leo Annunziata: «Si tratta di un ulteriore servizio per i nostri cittadini, in particolare per quelli della frazione Flocco, territorio al quale stiamo dedicando attenzione e considerazione.

Casa dell'acqua

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE