Troppi traumi e “Birillo”, questo il nome che i suoi soccorritori gli avevano dato, non ce l’ha fatta. Si chiude così, purtroppo, la triste vicenda del cane di appena 7 mesi lanciato direttamente dall’auto da un 18enne che era stata denunciato. Il fatto avvenne il mese scorso in via Acquini a Boscoreale e destò parecchio sdegno nell’opinione pubblica.

Il cagnolino, infatti, venne chiuso in un sacchetto della spazzatura e buttato via dall’abitacolo mentre l’automobile era in corsa. “Birillo” era stato ospite del canile “Dog Park” di Ottaviano e prima ancora dell’Asl veterinaria per poi essere adottato all’associazione “Aida”. Sembrerebbe che il cucciolo meticcio sia deceduto per i troppi traumi subiti.

Intanto la Procura di Torre Annunziata ha aperto un’inchiesta sulla cooperativa affidataria, mentre si aggrava inevitabilmente la situazione del 18enne denunciato ed indagato. Sulla vicenda si è espresso anche il leader regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli: «Ci auguriamo che il giovane che ha causato la morte di questo cucciolo sia condannato rapidamente».

birillo