Sospese dai carabinieri attività commerciali a Palma C., Nola e S. Gennaro Ves.

70

carabinieri4



I carabinieri della compagnia di Nola hanno organizzato una serie di servizi per contrastare il fenomeno del lavoro sommerso e dello sfruttamento di manodopera clandestina, servizi che sono stati eseguiti in tutto il nolano, in collaborazione con personale dell’asl na/3 sud, della compagnia della Guardia di Finanza di Ottaviano, della direzione provinciale lavoro di Napoli e della filiale di coordinamento nolana dell’Inps.
Le ispezioni hanno portato alla sospensione di 3 opifici di abbigliamento che impiegavano complessivamente 16 persone non in regola con le norme sull’immigrazione, tutti ovviamente assunti “a nero”.
A Palma campania, in una ditta di abbigliamento in via Saverio Carbone proprietà di un cittadino 32enne del Bangladesh, e’ stato scoperto che il datore di lavoro occupava 3 lavoratori stranieri privi di permesso soggiorno e assunti “a nero”. l’attività e’ stata sospesa;
Sempre a palma campania, in un opificio in via Ponte di Napoli, al titolare 32enne del Bangladesh, sono state contestate violazioni al testo unico sulla sicurezza per locali non a norma;
In un opificio di abbigliamento in via Torre e’ stato denunciato il titolare 36enne del Bagladesh perché occupava 8 lavoratori stranieri privi di permesso soggiorno assunti “a nero”; allo stesso sono state contestate violazioni al testo unico sulla sicurezza, sempre per locali non a norma. L’attività e’ stata sospesa.
A Nola, in un minimarket in via Bellini, e’ stato accertato l’impiego di un lavoratore “a nero”. Al titolare e’ stata comminata sanzione per 1.500 euro;
A San Gennaro Vesuviano, in un opificio di abbigliamento in via Gorga, e’ stato accertato che venivano occupati 5 lavoratori stranieri privi permesso di soggiorno e “a nero”. Il titolare, un cittadino indiano 41enne, e’ stato denunciato. L’attività e’ stata sospesa.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE