Il candidato sindaco Giuseppe Auriemma: “Consiglio comunale svilito di ogni significato”


134

auriemma
Sulla seduta consiliare di ieri interviene anche il candidato a sindaco, indicato dal Pd, Giuseppe Auriemma. “Un consiglio comunale svilito e reso quasi inutile dalla scarsa partecipazione e dalle fibrillazioni politiche pre elettorali”. Fa riflettere Giuseppe Auriemma- come il massimo organo cittadino della sovranità popolare, sia divenuto in questi ultimi anni più il luogo dell’assenza che della presenza rappresentativa e propositiva, davanti ai piccoli e grossi problemi di Somma. Occorre- prosegue il candidato sindaco- ridare dignità a questo importante organo democratico, luogo di confronto e di sintesi. In una Somma rinnovata e partecipativa, l’assemblea consiliare ritorni ad essere quel momento dignitoso e responsabile, organo deliberativo e di controllo politico sugli organi esecutivi, nel rispetto dei ruoli e funzioni di ciascuno. Il consiglio comunale è la casa della vera rappresentanza democratica di una città, il suo parlamento e il suo riferimento per la tutela del bene che abbiamo in comune”. Sul cambio dello statuto comunale, che tante polemiche ha suscitato nell’aula ieri, lo stesso Auriemma ammette: “E’ davvero curioso che in tempi di ristrettezze economiche per la popolazione e spending-review ci si prodighi ostinatamente a creare nuove figure dirigenziali piuttosto che dibattere ed intervenire sul disagio economico e sociale che ci circonda. Fermo restando che l’argomento andrà sicuramente approfondito nel corso della prossima seduta in cui la modifica diventerà esecutiva”.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE