Aniello Lauri lascia, anzi, (forse) raddoppia…


309



Tanti voti, consensi raccolti sempre in abbondanza, una presenza costante in tutte le tornate elettorali ed un insolito, assordante silenzio in vista della prossima competizione. Aniello Lauri è rimasto stranamente in disparte, apparentemente fermo in questa prima fase del percorso che ci porterà dritti verso le elezioni comunali. Accetta di parlare con noi annunciando subito di non avere «nessuna intenzione di candidarmi. Mi sono pure dimesso da consigliere, consentendo ad un giovane come Casoria di fare la sua prima esperienza».

Ci perdoni, ma risulta difficile credere che sia questa la ragione…

«Alla base della mia decisione non c’è nessun particolare motivo. Fino a quando ho esercitato le mie funzioni, credo di aver portato avanti un’opposizione corretta, propositiva, forte, denunciando tutto ciò che c’era da denunciare»

Ora afferma di non avere intenzione di candidarsi. Nessun legame?

«Dopo la batosta (avevamo suggerito sconfitta, ma è stato con sé stesso ancora più severo… nda) subita alle ultime elezioni, non posso più pensare di candidarmi, se non come Sindaco. Non potrei fare il consigliere a chicchessia. Sono disponibile però a sostenere una lista il cui programma dovesse soddisfarmi»

Ne intravede?

«Nessuna. Il problema è proprio questo. Si parla tantissimo, ma solo al fine di creare liste con all’interno persone che garantiscano un certo ritorno dal punto di vista elettorale. L’unico obiettivo è quello di vincere le elezioni. Ciò è completamente sbagliato! Non rientra in un concetto di politica nuova e diversa dal passato. I tempi sono cambiati, soprattutto con riferimento ad una crisi sociale che si avverte in maniera così evidente».

Si tirerebbe fuori anche nel caso in cui a scendere in campo fosse il dott. D’Antonio?

«Se il Dott. D’Antonio decidesse di candidarsi a Sindaco con una mentalità nuova rispetto al passato, sarebbe di sicuro una figura da prendere in considerazione. Un personaggio come lui mi darebbe delle garanzie per ciò che concerne il governo del paese, fermo restando la valutazione di un programma che necessariamente dovrà essere diametralmente opposto a quello visto in passato. A queste condizioni lo sosterrei senz’altro».

L’abbiamo vista anche ad una riunione del movimento “Ventata Nova”. Potrebbe concretizzarsi qualcosa?

«Se il programma che stileranno mi sembrerà soddisfacente e se verrà meno la pista D’Antonio, perché no? Si tratta comunque di un’ipotesi molto remota. Io sono contrario all’antipolitica e alle “rottamazioni”. Non è detto che un vecchio politico non possa ragionare con mentalità nuova. Se però si dovesse comporre una lista di spessore, oppure alcuni esponenti di quel gruppo fossero disponibili  ad integrare ed a confrontarsi all’interno di un altro gruppo, si potrebbe ipotizzare una lista civica, in prospettiva anche vincente».

Alla fine le uniche due liste che esclude di sostenere sono proprio le uniche certe: quella di Carbone e quella del duo Giugliano-Iervolino…

«Carbone riceverà già un notevole beneficio da una mia mancata candidatura. Quanto a Giugliano e Iervolino, sono semplicemente curioso di sapere chi tra i due farà il passo indietro».

Teme possano essere le sole in competizione?

«Vedo una grossa confusione, dalla quale potrebbe trarre vantaggio Carbone. A generarla sono proprio coloro i quali hanno sostenuto la sua lista nel 2008 ed ora non gradirebbero una sua riconferma. Mi sembra assurdo che oggi, a cercare liste alternative a Carbone, siano proprio quelli che cinque anni fa ne hanno determinato la vittoria. Io da lui sono stato sconfitto, ero il suo primo avversario, ecco perché sono molto rammaricato, ma lo sono in misura minore proprio nei suoi confronti. Credo che alla fine una terza lista, magari proprio quella del movimento “Ventata Nova”, possa venir fuori».

Possiamo aspettarcene pure una con lei candidato Sindaco?

«Come candidato Sindaco ci starei. Nella remota ipotesi che si dovesse trovare un accordo intorno al mio nome, non mi tirerei indietro, perché credo di avere ancora voglia, passione e forza!».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE