Femore rotto e taglio da 10 punti, due donne denunciano l’ospedale di Nola per le ore di attesa

1517

Altri guai per il pronto soccorso dell’ospedale di Nola, che dopo la bufera dei pazienti curati a terra si becca ora anche due denunce da parte di pazienti con ferite piuttosto importanti e che hanno dovuto attendere molto tempo prima di essere assistiti. A dare la notizia è la versione online de Il Mattino, che getta quindi benzina sul fuoco a riguardo del caos che in quei giorni ha regnato nel reparto di emergenza nolano.

La prima denuncia è partita da una donna di 82 anni di Visciano arrivata in ospedale con il femore rotto e che è stata visitata soltanto dopo diverse ore nonostante l’importante frattura. L’altro caso riguarda una donna di Marigliano con una profonda ferita ad un braccio e che, vista la lunga attesa, è andata altrove per farsi suturare il taglio con 10 punti.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE